DM-DROGERIE MARKT, LA SOCIETA’ TEDESCA CONFERMA L’ESPANSIONE IN ITALIA E SIGLA CON I SINDACATI IL PRIMO CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE APPLICATO AI 200 DIPENDENTI.

Mercoledì, 10 Ottobre, 2018

CAROFRATELLO: «ESEMPIO DI CONTRATTAZIONE WIN WIN CHE ACCOMPAGNA LO SVILUPPO DI IMPRESA IN UNA PROSPETTIVA PARTECIPATIVA E SOLIDARISTICA»

Roma, 10 ottobre 2018 - Soddisfazione in casa Fisascat Cisl per la sottoscrizione del primo contratto integrativo aziendale applicato ai circa 200 dipendenti della società tedesca Dm-Drogerie Markt, specializzata nella distribuzione di prodotti alimentari, per la casa e per la persona e presente il 13 paesi europei con più di 3500 punti vendita e 59mila dipendenti. L’azienda nel 2017 è entrata nel mercato italiano - dove attualmente è presente con 15 filiali in Trentino Alto Adige e Lombardia e con una sede centrale a San Giovanni Lupatoto in provincia di Verona - con un programma di investimenti sostanziale, con l’apertura di circa 30 negozi all’anno per i prossimi dieci anni. Punti cardine dell’intesa, raggiunta tra i sindacati nazionali e territoriali di categoria Cgil Cisl Uil e la direzione societaria, sono il rafforzamento del sistema di relazioni sindacali a livello nazionale e a livello territoriale/sede; l’organizzazione e l’orario di lavoro in base a cicli plurisettimanali al fine di favorire la rotazione del personale con la previsione della indennità di reperibilità; il contrasto alle molestie ed alla violenza di genere; l’introduzione del meccanismo della banca delle ore anche in chiave solidale con la cessione del tempo retribuito ai colleghi bisognosi in compartecipazione con l’azienda; le norme sulle pari opportunità e sulla conciliazione vita lavoro/sostegno alla genitorialità; sul welfare l’anticipazione del Tfr in determinate casistiche; la struttura del sistema premiante correlato ai parametri di raggiungimento del volume di affari aziendale e a livello di singola unità operativa ed alle nuove aperture. L’azienda si impegna inoltre a comunicare tempestivamente ai sindacati territoriali l’apertura di nuove unità operative. Nella fase di start-up l’assunzione di lavoratori a tempo determinato non sarà soggetta a limiti quantitativi per un periodo di 18 mesi dalla data di avvio dell’attività. Ai lavoratori in trasferta che svolgeranno la funzione di coaching del nuovo personale verrà riconosciuta una indennità una tantum pari a 300 euro lordi. Fermo restando quanto previsto dalla contrattazione nazionale di riferimento del Terziario, Distribuzione e Servizi Confcommercio, l’azienda potrà disporre dei trasferimenti nell’ambito di unità aziendali situate nel medesimo comune o comuni limitrofi. «L’intesa siglata con Dm-Markt è un esempio di contrattazione win-win che accompagna lo sviluppo aziendale in una prospettiva partecipativa e solidaristica individuando importanti norme sul rafforzamento delle relazioni sindacali e sulla tutela dei lavoratori per i quali l’intesa interviene anche su welfare, conciliazione vita lavoro e cessione solidale del tempo retribuito» ha sottolineato il funzionario sindacale della Fisascat Cisl nazionale Salvo Carofratello Per il segretario generale della categoria cislina Davide Guarini «è positivo che una importante realtà aziendale in espansione in tutta Europa decida di investire nel mercato italiano anche attraverso il consolidamento delle relazioni sindacali a tutti i livelli, con importante ruolo affidato al livello territoriale nello sviluppo di impresa e nella formazione professionale dei lavoratori».