SERVIZI DI DOCUMENTAZIONE ATTI PROCESSUALI, SIGLATO L’ACCORDO INTERAZIENDALE PER I 1500 FONICI, TRASCRITTORI E STENOTIPISTI DIPENDENTI DELLE COOPERATIVE SOCIALI CONSORZIATE CICLAT.

Martedì, 31 Luglio, 2018

CAROFRATELLO: «DISCIPLINATI STABILMENTE I RAPPORTI DI LAVORO IN UN COMPARTO FONDAMENTALE PER IL BUON FUNZIONAMENTO DELLA MACCHINA DELLA GIUSTIZIA»

Roma, 31 luglio 2018 - Buone notizie per gli oltre 1500 fonici, trascrittori e stenotepisti addetti ai servizi di documentazione degli atti processuali dipendenti dalle cooperative sociali Ricina, Nuovi Orizzonti e Verbatim consorziate alla Ciclat, affidataria del servizio da parte della Consip per conto del ministero della Giustizia. I sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti e le direzioni delle tre cooperative sociali hanno siglato a Roma l’ipotesi di accordo interaziendale integrativo al contratto nazionale dei servizi di pulizia, servizi integrati/multiservizi. L’intesa interviene sul sistema di classificazione del personale, sulla tabella delle retribuzioni e sulle indennità, sull’organizzazione e sul mercato del lavoro e sulla regolamentazione del lavoro agile/smartworking, con uno specifico rimando alla contrattazione integrativa aziendale su conciliazione vita lavoro, sostegno alla genitorialità, flessibilità organizzativa e welfare aziendale. Nel merito il sistema di classificazione contempla sei figure professionali specifiche per le attività svolte nella documentazione degli atti processuali: il Fonico, addetto ai servizi di assistenza alla fonoregistrazione in corso di udienza in aula; il Data Entry addetto all’inserimento dei dati relativi ai procedimenti di udienza nel portale del ministero e pubblica i documenti necessari all’attività; il Correttore di Bozze addetto alla correzione delle bozze trascritte da un sistema di trascrizione automatizzata; il Trascrittore addetto alla trasformazione della fonia dei verbali processuali in testo scritto con l’utilizzo di qualsiasi strumento informatico; lo Stenotipista addetto alla redazione in aula, mediante apparato di stenotipia, il testo integrale degli atti processuali in corso di svolgimento con eventuale consegna della bozza dei documenti processuali al termine dell’udienza; il Plurimansione addetto a due o più attività. La tabella paga prevede 5 livelli retributivi correlati all’anzianità lavorativa, omnicomprensivi di paga base, contingenze ed Edr da 1.127,82€ fino a 1.375,75€. L’intesa contempla inoltre il rimborso delle spese sostenute in caso di trasferta, l’indennità di disagio e il compenso per la reperibilità, pari a € 13,00 per ogni turno di reperibilità programmato nei giorni feriali e pari a € 25,00 per ogni turno di reperibilità richiesto nei giorni considerati di norma festivi, compreso il sabato. Le prestazioni effettuate nel periodo di reperibilità saranno retribuite con il trattamento equivalente a quello previsto per il lavoro straordinario, notturno e festivo così come disciplinato dal contratto nazionale del settore. L’accordo introduce una indennità individuale per i servizi di trascrizione effettuati da trascrittori, stenotepisti, fonici e addetti plurimansione pari ad 1,10€ riconosciuti per la prestazione lavorativa resa oltre la produzione di 11 pagine ad ora. L’articolato sull’orario di lavoro prevede - in via sperimentale per l’anno 2018/2019 - il ricorso alle clausole elastiche nel caso dei lavoratori part -time e la gestione in orario flessibile per i lavoratori a tempo pieno; le ore confluiranno nel Sistema di Regolamentazione delle Risorse, detto Srr, finalizzato ad una più corretta gestione della programmazione delle ferie e dei permessi. Il regime orario sperimentale è finalizzato all’esclusione della riduzione dei contratti individuali e della sospensione della retribuzione a fronte dei periodi di sospensione dell’attività ordinaria dei Tribunali, cosiddetti “periodi feriali” nel periodo estivo e in concomitanza con le festività natalizie, che di norma cumulano circa 55 giorni di calendario superando il monte ore permessi e ferie a disposizione dei dipendenti. Il saldo positivo del Srr individuale sarà liquidato con la retribuzione del mese di novembre; la normale retribuzione sarà garantita anche nel caso di saldo negativo. La prestazione in lavoro agile/telelavoro potrà essere svolta in media per un periodo pari alla metà dell’orario individuale o giornaliero/settimanale avvalendosi degli strumenti informativi idonei a consentire lo svolgimento dell’attività lavorativa nel rispetto delle previsioni di legge e dei contratti in materia di prevenzione, sicurezza e infortunio, formazione professionale, diritti di informazione e pari opportunità. Soddisfazione in casa Fisascat Cisl per la sottoscrizione dell’intesa che sarà trasmessa ai ministeri della Giustizia e del Lavoro e delle Politiche Sociali affinché possa essere possibile riferimento per le future gare di appalto. Per il funzionario sindacale della categoria cislina Salvo Carofratello «è importante aver definito un livello di contrattazione integrativa che riconduce le specificità dei servizi svolti nel perimetro del contratto nazionale dei servizi integrati/multiservizi, disciplinando stabilmente i rapporti di lavoro, anche ai fini di un riordino complessivo del settore, e riconoscendo la professionalità dei lavoratori di un settore ad oggi non del tutto regolamentato, nato alla fine degli anni ‘80 con l’entrata in vigore del Nuovo Codice di Procedura Penale, dove si opera prevalentemente in regime di appalto e fondamentale per il buon funzionamento della macchina della giustizia». «L’intervento sulla flessibilità contrattata in un comparto dei servizi privati indispensabile per l’apparato statale – ha aggiunto il segretario nazionale della Fisascat Cisl Davide Guarini – dimostra ancora una volta che attraverso la contrattazione è possibile raggiungere i livelli di efficientamento aziendale nel nome di una occupazione di qualità che riconosce specificità e professionalità delle mansioni in un sistema regolamentato».