STUDI PROFESSIONALI, DOPO IL FONDO DI SOLIDARIETA’ ARRIVANO GLI SPORTELLI REGIONALI EBIPRO AL SERVIZIO DEI LAVORATORI.

Lunedì, 4 Dicembre, 2017

CEOTTO: «NUOVO IMPORTANTE PASSO AVANTI NELLO SVILUPPO DELLA CONTRATTAZIONE DECENTRATA».

Roma, 01 dicembre 2017 - A due mesi dalla definizione dell’intesa sulla costituzione del Fondo di Solidarietà per le Attività Professionali, i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs hanno siglato con l’associazione imprenditoriale Confprofessioni l’accordo sull’avvio degli sportelli regionali attraverso l’ente bilaterale di settore Ebipro. Sostegno al reddito, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, welfare e detassazione, conciliazione tempi di vita e di lavoro: questi gli ambiti di intervento degli sportelli regionali la cui costituzione passa per le intese di secondo livello siglate dalle parti a livello regionale finalizzate ad incentivare la produttività e il welfare, l’organizzazione del lavoro, la flessibilità contrattata e la protezione dei livelli occupazionali. Soddisfazione in casa Fisascat. «E’ un nuovo importante passo avanti nello sviluppo della contrattazione a livello decentrato in un settore che occupa 2milioni di addetti, prevalentemente donne» ha dichiarato il funzionario sindacale della categoria Dario Campeotto. «Costruttive relazioni sindacali nel settore degli studi professionali – ha aggiunto il segretario generale Pierangelo Raineri – hanno consentito ad oggi di definire interventi concreti a sostegno dell’occupazione, strumenti unici nel panorama del terziario privato».