VIGILANZA PRIVATA E SERVIZI FIDUCIARI, ENNESIMA BATTUTA D’ARRESTO AL TAVOLO DI TRATTATIVA PER IL NUOVO CONTRATTO NAZIONALE.

Lunedì, 4 Dicembre, 2017

IL 15 DICEMBRE L’ASSEMBLEA UNITARIA DELLE STRUTTURE E DEI DELEGATI FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL E UILTUCS VALUTERA’ LE INIZIATIVE DI SCIOPERO E MOBILITAZIONE.

DELL’OREFICE: «LE ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI SI STANNO ASSUMENTO UNA GRAVE RESPONSABILITA’, IL SETTORE E’ CONTRADDISTINTO DA DINAMICHE DI MERCATO INCONTROLLATE».

Roma, 01 dicembre 2017 - Ennesima battuta d’arresto al tavolo per il nuovo contratto nazionale di lavoro, scaduto nel 2015, applicato ai circa 70mila addetti, di cui oltre 41mila guardie particolari giurate. Le distanze registrate sulle proposte imprenditoriali sul secondo livello di contrattazione, sul sistema di classificazione,sul cambio di appalto e su gli aumenti economici,ben lontane da quanto richiesto nella piattaforma sindacale unitaria. Intanto le federazioni di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno convocato per il 15 dicembre l’assemblea nazionale unitaria delle strutture e dei delegati che valuterà iniziative di sciopero e mobilitazione finalizzate ad un avanzamento dei negoziati. «Le associazioni imprenditoriali si stanno assumendo una grave responsabilità in un settore contraddistinto da dinamiche di mercato incontrollate» ha stigmatizzato il segretario nazionale Vincenzo Dell’Orefice. «Il rinnovo contrattuale , ha concluso il sindacalista, rappresenterebbe un punto di riferimento certo e fonte di legalità».