Archivio delle News

Commercio. Covid-19, accordo sindacati Confesercenti sulla costituzione dei comitati territoriali per il contenimento della pandemia. Guarini: «Maggiori tutele per dipendenti, clienti, utenti e fornitori negozi e attività»

26-05-2020

Roma, 26 maggio 2020 – C’è intesa tra i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs e l’associazione imprenditoriale Confesercenti sulla costituzione dei Comitati Territoriali Covid-19 previsti dal Protocollo Governo Parti Sociali del 24 aprile, nel comune intento di garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori e dei terzi, pubblico e fornitori che dovessero interagire nei locali aziendali.

Covid-19, agenti di commercio: accordo sull’anticipazione del 30% del Firr. Disponibili 450 milioni di euro

25-05-2020

Roma, 25 maggio 2020 - Sottoscritto in data odierna un importante accordo che prevede che gli Agenti commercio possano chiedere all’Enasarco una anticipazione Firr, fino al massimo del 30% dell’accantonato, che corrisponde ad una somma complessiva di 450 milioni di euro.

Le presenti organizzazioni degli agenti, responsabilmente, propongono ad Enasarco di erogare i 450 milioni di euro in più tranche per consentire alla Fondazione di recuperare la liquidità necessaria alla copertura del provvedimento.

Decreto Rilancio e lavoro domestico, sindacati: «Bene regolarizzazione colf e badanti, in fase di conversione in legge estendere il riconoscimento degli ammortizzatori sociali Covid-19»

22-05-2020

Roma, 22 maggio 2020 - Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge Rilancio le organizzazioni sindacali di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs e Federcolf, salutano con favore il provvedimento normativo che in parte coglie quanto richiesto nelle scorse settimane al Governo dalle Parti Sociali firmatarie della contrattazione nazionale di settore.

Decreto Rilancio, in vigore il provvedimento da 55 miliardi di euro. Guarini: «Il Parlamento manifesti maggiore attenzione nella fase di conversione in legge»

21-05-2020

Roma, 21 maggio 2020 – E’ entrato in vigore il Decreto Rilancio. Il provvedimento da 55 miliardi di euro, bollinato dalla Ragioneria Generale dello Stato e firmato dal Presidente della Repubblica Mattarella è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. La parola ora passa alle Camere che avranno a disposizione una dote di circa 800 milioni per le modifiche mentre si preannuncia un iter di approvazione in salita, considerato che anche nella maggioranza di Governo c’è chi promette battaglia su alcune misure.

Decreto Rilancio. Mercatone Uno, Blanca: «Bene proroga programmi esecuzione procedure in A.S., ora definire norma ad hoc per procrastinare la validità delle licenze»

20-05-2020

Roma, 20 maggio 2020 - «La proroga di 6 mesi dei programmi di esecuzione delle procedure di amministrazione straordinaria prevista dal Decreto Rilancio va nella direzione da noi auspicata nella vertenza dei lavoratori di Mercatone Uno e apre la strada ai Commissari per avanzare l’istanza di Cigs per cessazione di attività, assicurando la migliore tutela della posizione degli oltre 1.600 dipendenti».

Così la segretaria nazionale della Fisascat Cisl Aurora Blanca ha commentato la norma del Dl Rilancio pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Statuto dei Lavoratori, Guarini: «A 50 anni dalla riforma necessario ridefinire il perimetro di garanzie e nuove tutele per il lavoro che cambia»

20-05-2020

Roma, 20 maggio 2020- «Lo Statuto dei Lavoratori ha rappresentato un punto di riferimento costante e significativo per 50 anni, ora è necessario in via prospettica ridefinire il perimetro di garanzie e nuove tutele per il lavoro che cambia» ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Cisl Davide Guarini nella giornata in cui si celebra il 50° anniversario dall’approvazione della Legge 300.

Cgil Cisl Uil: coperture assicurative e tutele per tutti i lavoratori sportivi. Slc Fisascat Uilcom Felsa Nidil Uiltemp lanciano l'allarme in vista della riapertura delle attività

19-05-2020

Roma, 19 maggio 2020 - Sta per scattare “l’ora x” anche per centri sportivi e palestre, ma non mancano le preoccupazioni in vista della riapertura prevista per il 25 maggio. A lanciare il grido di allarme sono Slc Cgil, Fisascat Cisl, Uilcom, Felsa Cisl, Nidil Cgil, Uiltemp, i sindacati rappresentativi del variegato mondo dello sport.

Mercatone Uno, c'è intesa sul ricorso alla Cigd Covid-19 per i 1.643 dipendenti dello storico marchio. Ceduti 5 punti vendita alla Riva Gest. Blanca: «Indispensabile disporre la proroga del programma dei Commissari straordinari»

19-05-2020

Roma, 19 maggio 2020 – C’è intesa sul ricorso alla Cigd per causale Covid-19 per 9 settimane per i 1.643 dipendenti ex Mercatone Uno in Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Trentino, Umbria e Veneto. I sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno formalizzato con la direzione di M. Business S.r.L.

Fase 2. Scarpe&Scarpe, sindacati: serve protocollo sicurezza nei punti vendita, lavoratori in stato di agitazione

18-05-2020

Roma, 18 maggio 2020 – Sono in stato di agitazione i lavoratori della catena di punti vendita Scarpe&Scarpe. Alla base della mobilitazione, indetta dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs al termine di un coordinamento unitario dei lavoratori, la mancata definizione di Protocollo di sicurezza “chiaro e calzante per quelle che sono le reali difficoltà e rischi per le lavoratrici e ai lavoratori” nella fase di riapertura dei negozi, si legge nella comunicazione trasmessa alla direzione aziendale.

Fase 2, Guarini: «La contrattazione definisca nuovi modelli organizzativi finalizzati a preservare l'occupazione e ad assicurare salute e sicurezza nei luoghi di lavoro»

15-05-2020

Roma, 15 maggio 2020 – «La contrattazione accompagni le riaperture con la definizione di nuovi modelli organizzativi, condivisi e sostenibili, finalizzati al mantenimento dell’occupazione e a garantire salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Gli aspetti connessi all’organizzazione del lavoro e allo svolgimento delle prestazioni anche da remoto sono quanto mai centrali nella gestione dei rapporti di lavoro e dovranno essere oggetto di confronto anche nei tavoli di rinnovo dei contratti nazionali scaduti nel terziario privato che interessano oltre 4milioni di addetti».

Pagine