Torna alle News
cassiera
News
27 maggio 2022

Distribuzione Moderna Organizzata, il negoziato sul rinnovo del Contratto Nazionale prosegue in Commissione Classificazione

Dell’Orefice: «In una fase congiunturale delicata come quella che stiamo vivendo necessario affrontare in sede negoziale il tema degli aumenti salariali. Il rinnovo può affermare il ruolo di Contratto leader per una categoria di lavoratrici e lavoratori omogenei riconducibile ad un insieme di aziende ben delimitate che costituiscono la DMO del nostro Paese»

Roma, 27 maggio 2022 - E’ proseguito in Commissione Classificazione il negoziato tra i sindacati di categoria e l’associazione imprenditoriale Federdistribuzione sul rinnovo del Contratto Nazionale della Distribuzione Moderna Organizzata, scaduto nel 2019, e applicato ad oltre 300mila addetti.

Per la Fisascat Cisl è necessario imprimere una accelerazione alle trattative.

«Il tempo perso è significativo, occorre finalizzare il confronto a raggiungere un accordo in tempi brevi per aggiornare i trattamenti retributivi dei lavoratori che vedono il loro contratto nazionale non rinnovato ormai da più di due anni e mezzo» ha dichiarato il segretario generale aggiunto della categoria cislina Vincenzo Dell’Orefice.

Il sindacalista reputa «importante l‘approfondimento tematico effettuato nell’ambito delle varie Commissioni, un lavoro che non va disperso che può agevolare la trattativa».

Dell’Orefice in particolare sottolinea «l’urgenza e la necessità di affrontare in sede negoziale il tema degli aumenti salariali» e che «il salario è una priorità che le organizzazioni sindacali hanno».

«Il resto dei temi, dalla revisione della sfera applicativa, alla riforma del sistema di classificazione, dal l’aggiornamento dell’articolato in tema di mercato del lavoro al governo della flessibilità contrattata – ha chiosato - sono temi sui quali, pur rimanendo delle distanze, le posizioni possono verosimilmente avvicinarsi».

«Ma è sulla risposta salariale – ha concluso - che questo Ccnl come altrI, in una fase congiunturale delicata come quella che stiamo vivendo, può affermare il suo ruolo di Contratto di riferimento per una categoria di lavoratrici e lavoratori omogenei riconducibile ad un insieme di aziende ben delimitate che costituiscono distribuzione moderna organizzata del nostro Paese».

Tags: