Torna alle News
pennym
News
29 luglio 2022

Penny Market, incontro in plenaria con la direzione aziendale in seguito alla proclamazione dello stato di agitazione dei 3.500 dipendenti. Ancora inascoltate le istanze su salute e sicurezza, improprio utilizzo delle clausole elastiche e flessibili, servizi di pulizia in capo a personale con altre qualifiche

Carofratello: «Interlocutori aziendali senza alcun rispetto delle buone relazioni sindacali. Necessario continuare il percorso avviato con la dichiarazione dello stato di agitazione, iniziando una fase di rivendicazioni sindacali e legali sia sul piano individuale che collettivo e portando avanti iniziative di astensione dall’attività lavorativa a carattere territoriale»

Roma, 29 luglio 2022 – Si è svolto in modalità videoconferenza e in plenaria l’incontro tra i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs e la direzione di Penny Market, catena del segmento discount della GDO presente sul territorio nazionale con 400 punti vendita e 7 centri di distribuzione logistica.

L’incontro ha fatto seguito alla proclamazione dello stato di agitazione dello scorso 11 luglio, in cui le organizzazioni sindacali avevano denunciato l’insufficienza delle relazioni sindacali e criticità su salute e sicurezza, stress lavoro-correlato, carichi di lavoro, turni e orari di lavoro, improprio utilizzo di clausole elastiche e flessibili nonché dei permessi retribuiti, turnazione e pause, pulizie di negozi, servizi e parcheggi in capo al personale con altre qualifiche, esternalizzazioni.

Temi che i sindacati avevano definito urgenti e non più rinviabili, ma rispetto ai quali la direzione di Penny Market non ha fornito le risposte attese. A rimanere inascoltate sono state, in particolare, le istanze sul fronte della salute e della sicurezza, quelle in merito alla mancata corresponsione dell’indennità delle clausole elastiche e flessibili e quelle legate ai servizi di pulizia, effettuati ancora oggi da personale della catena con altre qualifiche. Ad aggravare la situazione è poi lo stato economico in cui versa l’impresa, con vendite e ricavi ormai nettamente in calo rispetto ai mesi precedenti.

«Ci ritroviamo ancora una volta di fronte a interlocutori aziendali che non hanno assolutamente rispetto delle buone relazioni sindacali, che disattendono gli affidamenti dati sulle probabili risoluzioni dei problemi e che non pagano alle lavoratrici e ai lavoratori quanto previsto dal CCNL» ha dichiarato il funzionario della Fisascat Cisl Salvo Carofratello.

«Crediamo – ha aggiunto il sindacalista – che sia necessario continuare il percorso avviato con la dichiarazione dello stato di agitazione, iniziando una fase di rivendicazioni sindacali e legali sia sul piano individuale che collettivo e portando avanti iniziative di astensione dall’attività lavorativa a carattere territoriale».