Torna alle News
sociosanitario
News
14 gennaio 2022

Terzo Settore Socio Sanitario Assistenziale, prosegue il negoziato sul nuovo Contratto nazionale Anaste applicato a circa 20mila addetti. Sul tavolo la sfera di applicazione, la struttura della contrattazione, salute e sicurezza e mercato del lavoro

Roma, 14 gennaio 2022 – Prosegue il negoziato tra i sindacati di categoria Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Fisascat Cisl e Uiltucs e la delegazione trattante dell’Associazione Nazionale Strutture Territoriali e per la Terza Età Anaste, sul nuovo Contratto Collettivo Nazionale applicato a circa 20 mila addetti del comparto socio sanitario assistenziale.

La discussione, recita un comunicato unitario, è entrata nel merito dei primi articolicontrattuali quali: campo di applicazione, relazioni sindacali e struttura della contrattazione, istituti, temi su cui i sindacati hanno presentato una proposta alla controparte, che si è riservata di valutarne i contenuti.

Sul tavolo anche gli articolati afferenti garanzia dei servizi minimi essenziali e sciopero, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, mercato del lavoro.

Sul tema della classificazione del personale, ed in particolare sul “nodo” relativo all’inquadramento di alcune figure, la delegazione trattante di Anaste si è riservata di presentare una proposta in tema di nuove professionalità.

Sulla questione tempi di vestizione e sul relativo riconoscimento degli stessi come orario di lavoro, che i sindacati hanno evidenziato rappresentare un punto imprescindibile nella definizione del nuovo Ccnl, la controparte ha manifestato la necessità di dovere effettuare un approfondimento interno.

La discussione si è poi incentrata sul tema dell’orario di lavoro, fissato in 38 ore settimanali distribuite su 5 o 6 giorni settimanali; sui meccanismi di flessibilità in caso di orari superiori o inferiori alle 38 ore; sull’introduzione della previsione delle 11 ore di riposo giornaliero; sul tema del non frazionamento dell’orario di lavoro e sulla banca delle ore.

Si è poi condiviso di posticipare, alla fase conclusiva della trattativa, il confronto riguardante il tema dei Rol.

Il prossimo incontro è stato calendarizzato per l’8 febbraio, sempre presso la sede dell’Associazione.