Basi Usa, a Catania il 10 e 11 settembre il consueto incontro annuale tra sindacati e la commissione statunitense Jcpc. Blanca: «Si consolida il percorso costruttivo avviato nella fase emergenziale Covid-19»

Giovedì, 17 Settembre, 2020

Roma, 17 settembre 2020 – Si è svolto a Catania il 10 e 11 settembre 2020 il consueto meeting annuale tra i sindacati nazionali di categoria Fisascat Cisl e Uiltucs e la Commissione delle Basi Usa in Italia Jcpc.

L’assise ha esaminato i risultati dell’Indagine Salariale finalizzata alla definizione degli aumenti economici annuali dall’1,66% al 2,6% (tetto stabilito dalla Legge americana), corrispondenti alla contropartita economica per il livello medio di 55 euro.

L’indagine salariale sarà anche tema di confronto nei prossimi mesi. Sul tavolo anche la situazione occupazionale del personale civile non statunitense nelle cinque installazioni militari ed il tema degli Appalti, sui quali i sindacati pongono l’accento rivendicando quanto previsto dal Contratto Nazionale in termini di confronto preventivo, rilevandone l’importanza, e richiedendo un avanzamento per quanto attiene alle relazioni sindacali. Indubbio il riflesso della pandemia su quelli che erano i temi in agenda concordati tra le parti nel mese di settembre 2019, tanto da dover rimandare a discussione su alcune tematiche. In particolare, sui lavori stagionali la Commissione Jcpc si è impegnata ad inviare una proposta nel mese di ottobre 2020.

Sulle Indennità Ambiente l’analisi della Commissione americana necessita di ulteriori approfondimenti trattandosi di analisi comparata tra contratti differenti mentre sul tema della Salute e Sicurezza la Jcpc si è impegnata a mettere in campo tutte le misure atte al permanere delle condizioni idonee per garantire l’incolumità delle lavoratrici e dei lavoratori nell’attuale contesto per mitigare l’impatto Covid-19, mediante i Comitati Covid previsti dal Protocollo e dalle intese Governo Parti Sociali.

Sull’Inquadramento Unico la Jcpc non ha ancora elaborato una proposta da portare al confronto con i Sindacati; si è assunta tuttavia l’onere di assumere un esperto di inquadramento nei prossimi mesi al fine di inviare una prima bozza dell’elaborato nel mese febbraio ed una seconda nel mese di giugno.

«La classificazione unica – ha dichiarato la segretaria nazionale della Fisascat Cisl Aurora Blanca - permetterebbe il superamento delle differenze tra lavoratori italiani e lavoratori americani oggi assoggettati ad inquadramenti differenti pur nello svolgimento delle analoghe prestazioni o mansioni».

La sindacalista si è espressa poi sull’esito del meeting annuale. «Un percorso costruttivo avviato dalle Parti già in piena fase emergenziale – ha dichiarato - che si consolida ulteriormente non solo attraverso gli incontri istituzionali ma anche con ragionamenti di prospettiva sulle relazioni sindacali a livello locale, che auspichiamo puntino sempre più ad un sistema strutturato basato su intese e su posizioni sinergiche».

L’assise ha anche commemorato il 19° anniversario dall’11 settembre 2001, data tristemente nota per gli attacchi terroristici alle Torri Gemelle di New York con la perdita di oltre 3mila vite umane. Il prossimo meeting annuale si svolgerà il 9 e 10 settembre 2021 a Matera.