Metro Italia, fronte sindacale compatto: avanti con la trattativa per il rinnovo della contrattazione integrativa applicata ai 4.500 dipendenti del gruppo del cash&carry

Martedì, 11 Febbraio, 2020

Roma, 11 febbraio 2020 - Il Coordinamento nazionale unitario delle Rsu e delle Rsa di Metro Italia Cash & Carry riunito a Roma l’11 Febbraio 2020 ribadisce la volontà di proseguire la trattativa per il rinnovo della contrattazione integrativa disdettata dall’azienda. Il coordinamento prende atto che, malgrado la disponibilità delle organizzazioni sindacali ad entrare nel merito dell’omogeneizzazione delle condizioni lavorative e di orario, l’azienda rifiuta qualsiasi apertura sulla gestione condivisa dell’organizzazione del lavoro.

Metro ribadisce la volontà di procedere unilateralmente nell’articolazione della prestazione lavorativa attraverso turni spezzati, verticalizzazione dell’orario di lavoro nel fine settimana, modifica dei turni anche a carico dei part time.

Metro anche nel 2019 chiude un bilancio con milioni di euro di utile, mentre continua ad implementare il lavoro in appalto della delivery, aumentando il numero di lavoratori che operano in condizioni salariali e organizzative ulteriormente peggiori. Pertanto il coordinamento dei rappresentanti sindacali ribadisce la volontà di riunificare le condizioni di vita e di lavoro di tutti i dipendenti Metro, a prescindere dall’anzianità aziendale, secondo principi di dignità reale equità.

In tale contesto riteniamo assolutamente scontato che l’azienda sia tenuta alla corresponsione integrale del premio variabile maturato nel corso del 2019 per effetto di quanto previsto dalla contrattazione integrativa aziendale previgente, senza che ciò possa costituire oggetto di scambio.

Ci aspettiamo pertanto che nel prossimo incontro del 26 Febbraio 2020 la dirigenza di Metro riveda la propria posizione e si presenti con una reale disponibilità ad ascoltare le esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori e a non fare forzature come preannunciato.

AllegatoDimensione
PDF icon Comunicato Sindacale 11 febbraio 2020.pdf121.68 KB